CAKES & CO, FATTO CON LA VERDURA

TORTA ALLA ZUCCA E FARINA DI CASTAGNE

Le stagioni hanno sempre avuto un certo fascino per me, sin da bambina in verità, fascino che tutt’ora mi abbaglia e mi fa amare alla follia i mesi, i giorni, gli anni e mi fa brillare gli occhi quando vedo i miei bambini altrettanto affascinati dai fiori, dal mare, dalle castagne e dalla neve! Proprio un paio di settimane fa, F (mio marito) di punto in bianco se n’è uscito durante la cena con un: “Allora che ne dici se domenica andiamo a far castagne con i bambini ?!” … Sarà che le stagioni affascinano anche lui, sarà che quando si hanno bimbi (sopratutto piccoli) si RI – vive tutto all’ennesima potenza, passa davanti ai tuoi occhi una nuova infanzia e tu vuoi coglierla al volo e trasmettere quei ricordi così lontani ma così nitidi, di quando erano i tuoi genitori a far brillare il tuo cuore ed a spiegarti perché le foglie diventano rosse! Un’occasione migliore di questa non poteva capitare per far conoscere da vicino l’AUTUNNO ed i suoi colori al mio piccolo scalatore delle montagne ! Sì, le domeniche in famiglia, alla scoperta del niente o del tutto, sono le più belle ed io le amo con tutto il brillio del mio cuore!

 

 

Print Recipe
TORTA MORBIDISSIMA DI CASTAGNE E ZUCCA
un bacio d'autunno
Porzioni
8-10 persone
Ingredienti
PER LA TORTA
Porzioni
8-10 persone
Ingredienti
PER LA TORTA
Istruzioni
PER LA TORTA
  1. Cominciare cuocendo la zucca già mondata e ben pulita. Si può optare per una cottura a vapore o anche per una cottura in padella con un pochino di acqua o, se come me avete della zucca congelata nel freezer, scongelatela e scaldatela il tempo necessario a che si sfaldi leggermente. Una volta fatta questa operazione, frullatela con un mixer e lasciate intiepidire.
  2. In planetaria (o con fruste elettriche) montare a neve ben fermagli albumi (per me albumi pastorizzati acquistati in confezione tetra pack - non amo dover necessariamente comprare le uova intere per poi trovami con i tuorli da smaltire, poiché rischio sempre di sprecarli - e mettere da parte.
  3. In planetaria o in una ciotola, amalgamare lo zucchero, la zucca ormai intiepidita e l'olio di semi. Aggiungere le polveri (farine e lievito) setacciandole bene, aggiungere la vaniglia ed amalgamare nuovamente. Incorporare anche gli albumi a neve con movimenti delicati dal basso verso l'alto ed in ultimo aggiungere gli aghi di rosmarino perfettamente tritati (ridotti quasi in polvere) e mescolare ancora con delicatezza.
  4. Versare il composto nella teglia - ben oleata - che avete scelto e cuocere per circa 40 minuti in forno statico pre riscaldato a 170°. Fate sempre la prova stecchino, i forni sono tutti diversi! Sfornare, lasciare raffreddare e preparare la glassa.
PER LA GLASSA
  1. In una ciotolina amalgamare tutti insieme gli ingredienti necessari sino a renderli una bellissima e profumata cremina dal color nocciola chiarissimo. Applicare sulla torta FREDDA con l'aiuto di un cucchiaio o, se l'avete, di una sacca da pasticcere. Servire e gustare!
Recipe Notes
  • ALBUMI: prediligo, in una torta con la sola presenza di albumi, gli albumi pastorizzati che si acquistano nei supermercati più forniti. Questo è personale e soggettivo, io lo faccio per non dover esser costretta a fare una altro dolce-crema nei giorni successivi per dover necessariamente finire i tuorli. Se preferite utilizzare le uova intere, ve ne serviranno 6 per ottenere circa 200 gr di albume. NON servono i rossi perchè c'è già la zucca che è a base "grassa", i tuorli non renderebbero l'impasto troppo pesante malgrado l'assenza di burro.
  • FORNO: stateci attenti! Essendo una torta praticamente a grassi animali 0 (no tuorli, no burro) c'è il rischio che si sbruciacchi, se cotta a temperature troppo alte, per cui conoscendo bene il vostro amato forno, vi suggerisco di tenere una temperatura più bassa (170-175 gradi) e piuttosto prolungare di qualche minuto la cottura!

Detto e fatto, la castagnata è stata un successo, un sacco stracolmo di questi meravigliosi frutti dell’autunno ce lo siamo portati a casa, insieme a qualche riccio semiaperto (adoro i ricci semi aperti!!) e dunque la sfida che mi sono auto imposta  stata proprio questa: ma se le castagne sono così buone, esisterà pur qualche ricetta da fare con la farina di castagne?! “Ah sì, il castagnaccio” … ma troppo banale per una sfida … allora l’altro unico ingrediente che potessi sfruttare anche per dare morbidezza ed umidità alla torta non poteva essere che la zucca! Poi, non vuoi metterci un po’ di erbe aromatiche che esaltano il sapore della zucca stessa e magari stanno anche con le castagne?! Massì!” ho detto a mio marito, “Proviamo con il rosmarino!”. Lui, devo dire alquanto perplesso, mi guarda e dice “Ok, ma prima la assaggi tu eh !” … e che vi devo dire … l’ho assaggiata e poi l’abbiamo assaggiata tutti, l’ho adorata e poi l’abbiamo adorata tutti, è entrata di diritto nella mia, anzi nella nostra, top ten dei dolci del cuore!

♥ Felice autunno a tutti voi ♥

Claudia